martedì 2 gennaio 2018

Tanto per iniziare...



Non ho idea se qualcun'altro, oltre a me abbia notato che l’essere umano è l’unico animale su questo pianeta che cerca un senso ai fenomeni della realtà in cui vive.

Non per fare il figo, ma l'ho inuito a sei anni, mentre guardavo con un amico le nuvole e ci vedevamo le facce delle persone oppure degli animali. In quel momento realizzai che siamo fatti così, cerchiamo sempre un motivo, una correlazione, un significato,  anche quando oggettivamente non esiste come nel caso delle nuvole. E' un meccanismo automatico della mente di cui siamo dotati.
 
L'uomo cerca sempre un perché, e mi verebbe da aggingere: perché?  A maggior riprova di quanto affermato.
Parlo però di alcuni uomini, non degli idioti che si picchiano allo stadio per sostenere 22 cavernicoli in pantaloncini che corrono dietro a una palla.  
Figurarsi la maggioranza cioè quelli che pensano a fregarsi l'uno con l'altro, per sentirsi più furbi e non si chiedono il senso di questo gioco più grande che si chiama Vita. Si accontentano banalmente di cercare di vincerlo. Questo gioco però non  è fatto per essere vinto, mi pare evidente perché alla fine perderemo tutti, ma forse non se sono ancora accorti. 

Invece alcuni uomini un po' più profondi non si accontentaano del "come" che soddisfa quasi tutti. Si domandano appunto il "perché". Secondo me, quelli che non lo fanno sono un po' come animali, esistono ma non vivono, perché non danno un senso alla propria esistenza. 
Ci sarebbe però da chiedersi: "Sono cretini o sono  più saggi, perché vivono in maniera meno complicata?"

Per saperlo bisognerebbe  intervistare magari un animale, e se mai fosse possibile, lo domanderei a un Leone, perché è più vicino alla mia naturale modestia. 
Così gli domanderei: "Qual è il senso della tua esistenza o'Lione?  Credo che se potesse rispondermi mi direbbe: “Per mangiare le zebre”
Insisterei con un'altra domanda: "Solo questo? Non ti sembra poco?"
E se non mi sbransse, forse sentirei: "No,  perché le zebre mi piacciono."
Così dovrei ammettere che il suo pragmatismo è di una saggezza che non avevo considerato.
Insomma, diciamo che questa logica leonina è diretta, efficace , ma non è funzionale. 
Non è funzionale per cosa, e soprattutto per chi?

Che domanda…Per Dio.
 
Ipotizziamo che per qualche ragione esista Dio, e si trovi a esplodere in un meraviglioso Big Bang, dando vita all’Universo di materia e antimateria, di energia, tempo e spazio che conosciamo e di quella materia oscura, energia oscura e forse tempo oscuro che ancora non capiamo. 
Come si sentirebbe?

Sicuramente onnipotente, solo, ma senza una risposta per la propria esistenza. 
Allora, credo che  si chiederebbe come sarebbe possibile rispondere a una tale domanda, diciamo fondamentale, perché esistenziale.
Certamente non da se stesso.  
Sarebbe come se un uomo volesse capire perché esiste, domandandolo al suo mignolo…Sarebbe non solo impossibile, ma stupido

Se io fossi Dio, e mi si perdoni il paragone blasfemo e pure presuntuoso perfino per la mia presunzione, cosa farei?

Creerei degli esseri viventi che cercano il senso di questo esistere, che si domandano il perché di ogni cosa al posto mio, ma non come un Leone o un tifoso che abbiamo visto come il primo sia troppo esaustivo e il secondo troppo stupido, per diventare  strumenti per una ricerca approfondita.

Farei così un essere intelligente, ma un po' più complicato e anche poco attrezzato biologicamente, per dargli in primis un forte incentivo a sviluppare le sue  capacità per la sua sopravvivenza e poi per rispondere alle sue domande. Lo sguinzaglierei grazie alla curiosità, alla ricerca di un senso, di un perché, al mio posto (inteso come Dio).

Questo Virus filosofico chiamato Uomo non sarebbe l'unica risorsa  cui affidare la risposta a questa domanda divina.

Non mi accontenterei della sola umanità, ma creerei una miriade di progetti biologici in progress, cioè altri esseri intelligenti che lavorano tutti alla stessa ricerca, ma su piani diversi e con modelli biologici diversi ma con la medesima matrice di curiosità, ovviamente parlo di razze extra terresti. Questo per non mettere sulle spalle di questa povera umanità un po' così, un fardello tanto pesante.
 
Infatti, perché una risposta possa considerarsi valida dovrebbe essere giusta per infiniti modi d'indagine, che semmai convergessero alla stessa conclusione, sarebbe  allora da intendere che tale risposta univoca è quella esatta appunto. 

Non per una sorta di pluralismo divino, ma perché Egli è in costante autocritica o per meglio dire riflessione su se stesso, perché è (a mio modesto parere) il modo di emandere l'errore dalla Sua creatività. 

Non a caso la Creazione è considerata perfetta a priori, non solo perché non avendo termini di paragone non sia possibile dare un giudizio di valore, ma perché essa è in costante auto-critica. 
Questo però fate finta che me lo sono inventato.

Insomma, praticamente ho appena messo per iscritto un delirio che  mi  darebbe  il diritto di finire non fra i massimi pensatori, ma in un bel manicomio.
Oppure di aver inciampato, ovviamente per sbaglio, nell’arco e nellla freccia che usa il Grande Arciere, per cercare il bersaglio che vorrebbe colpire, anche se quello, mi pare di intuire non lo ha ancora trovato nemmeno Lui.   

A conclusione di questa elocubrazione lisergica cosa poso dire? Solo quello che mi ha detto il Leone mentre conversavamo: "Se ti sei perso non vuol dire necessariamente che sei sulla strada sbagliata". 

Non so se si capisce la contometafora. Questa è davvero difficile.   

martedì 19 dicembre 2017

Natale arriva veramente una volta all'anno?


E' proprio dell'umanità fare di una festività religiosa e spirituale, dove sarebbe auspicabile trovare il giusto raccoglimento, realizzare invece una festa commerciale e rumorosa. 

Come poi incontrarsi l'uno con l'altro, e tutti magari con i più deboli e poveri, in questo bordello di centro commerciale che pare essere diventato il mondo tutto, per me resta un mistero. 

Così (tanto per cambiare) chi ha i soldi spende e spande e compra i regali agli amici e ai partenti suoi che spendono e spandono a loro volta, badando bene, ma senza farsi notare troppo, nel mantenere viva la contabilità di costi e ricavi di questo scambio ipocrita, posssibilmente in pareggio o in positivo. 
Forse, solo un idiota regalerebbe qualcosa a qualcun'altro quando è già ricco.
Molti nella nostra società possiedono già un piccolo grado di benessere, e alcuni hanno non solo il necessario, ma anche il superfluo. Allora? 
In questa girandola di prezzi e oggetti dove finisce invece quel sentimento che ispira questa festa? 
Cioè dove trova posto la coesione verso chi ha meno o addirittura nulla. 

Il senso di un regalo per me è donare qualcosa a chi non l'ha, ma credo, e spero che alcuni comprendano, che il vero regalo gradito è l'attenzione, attenzione verso la o le persone, verso la realtà della miseria che comunque ci grida in faccia, non solo a Natale ma in ogni giorno di questa vita. 

La vera povertà umana non è solamente non avere niente, ma essere invisibili agli altri, e questo purtroppo ci rende tutti egualmente poveri. 
Il senso del Natale secondo la mia idealistica convinzione, è il ribaltamento, fosse anche solo per un giorno, fosse anche solo per un minuto, della logica delirante e malvagia di questa società, che ci dice come se fosse vero: "Solo ciò che possiedi ti renderà degno di attenzione (dunque di valore e di vita), chi non ha nulla non è nulla". 
Spiace vedere che si scambiano gli oggetti non solo con le persone ma per le persone, perché in fondo a questo vicolo cieco, ingombro di oggetti e di materialità esasperata si troverà ancora più indifferenza di quanto abbonda già normalmente in questa esistenza. Il vero e unico peccato umano secondo la mia modesta etica semplificante ma spero non semplicistica è solo uno: la noncuranza con cui viviamo questa vita così ricca di dettagli e sfumature che la rendono meravigliosa. 

Non ci casco nel tranello di ammettere i valori di una società disumana che nel voler riempire di oggetti la nostra vita ci toglie sempre più i valori reali dentro noi stessi. 
Tutto questo ci rende tutti poveri di emozioni vere. 

Alla fine circondati da oggetti inutili cosa mai realizzeremo di autentico in questa esistenza? 
Con la predominanza del valore delle cose sulle persone non si assiste forse alla perdita di umanità?
Questa semplice verità non è forse sempre davanti ai nostri occhi? 
A parole questo mercimonio disumano è negato, ma nella realtà dei fatti è proprio il contrario. 
Chi ha interesse a fare di noi dei contribuenti/consumatori ci offre le comodità, ma in definitiva sono catene che non ci permettono di raggiungere quella empatia che è l'unica ricchezza che ci fa essere dei veri esseri umani. 

Come si può essere così superficiali? 
Così ipocriti poi, dichiarando una cosa ed attuando proprio il suo contrario. 
Qual'è la logica incoerente in questa accettazione acritica? Essa non dona vera felicità ma amarezza. 

Pervertendo la vera natura di questa festività che dovrebbe fare seguito all'insegnamento stesso di chi l'ha ispirata e che invece andrebbe festeggiato realizzando, per quando possiamo, la sua ispirazione e soprattutto il suo esempio.

Tutti un giorno, prima o poi, saremo privati di tutto.

Se non c'è nulla oltre a essere quanto abbiamo, allora cari miei, siamo tutti destinati non solo a perdere tutto ma a perderci. 

Dunque, secondo questa triste farsa travestita da festa, che mi disgusta come nulla al mondo: Chi non ha un cazzo, oltre al disagio, dovrebbe assistere a questa esibizione di abbondanza e luminarie? 
Accontentando i disperati, se va bene con quella carità ritagliata dagli avanzi e fatta, badando bene di essere visti dagli altri quando la facciamo, per sembrare buoni....Se mai la facciamo. 

Colori prodotti, profumi e fuochi d'artificio, dimenticando così che "l'esibizione di ricchezza, offende il povero" e questo lo dice proprio il Vecchio Testamento. 

Credo che se tornasse Gesù su questa terra infame, dopo duemila anni capirebbe, quanto oggi come allora, gli esseri umani riescano sempre a fare di ogni occasione, un occasione mancata. 

Anche se sarei ipocrita ugualmente agli altri se non confessassi che non ho un cuore così grande da fare del bene prodigandomi per infermi, ammalati, oppressi e affamati. Sono solo capace visto che non so fare molto per questo mondo, a parte criticarlo, di cercare di non dare ulteriore fastidio a chi soffre. 
Ogni tanto, ma senza alcun merito da parte mia,  il mio "Demon" interiore mi permette di sperimentare l'unica saggezza a disposizione di un essere umano che non è certo nelle parole forbite e nei pindarici voli della ragione, dove ho una certa familiarità, ma quella porzione sconosciuta e bellissima di questo mondo che non si trova sulle mappe cioè "l'oceano del cuore semplice". 

Ah! Quasi dimenticavo: Buon Natale.

lunedì 27 novembre 2017

Uomini senza onore, e vittime senza nome


Gli attentati terroristici sono decuplicati negli ultimi dieci anni, come la spese militari e di Intelligence. Gli U.S.A. hanno sborsato in questo periodo, la bellezza di 500 miliardi (MILIARDI) di dollari.

Una cifra colossale che supera la loro spesa sostenuta per la seconda guerra mondiale, la guerra di Corea e il conflitto in Vietnam, messe insieme.

A chi non è proprio un idiota si evidenzia un paradosso. A me, pare evidente che l'ingerenza militare americana non risolve i problemi ma li crea. Il fatto che quel paese sia il maggior produttore mondiale di armi fa riflettere in maniera critica sui loro veri intenti. Le vittime del terrorismo sono state ad oggi calcolate in 31.000, ma il solo conflitto iracheno è costato la vita a 60.000 soldati dell'Iraq e 2.100 uomini e donne della coalizione di invasione, a questi sono da aggiungere un numero imprecisato di civili innocenti e moltiplicare per tre il numero delle vittime per contare i feriti e gli invalidi; Tutto ciò per contrastare armi di distruzione di massa mai esistite.

Nessuno però ha chiesto ragione di questo abuso agli Stati Uniti né di pagare con la propria responsabilità questo fiume di sangue. Con la successiva guerra in Siria, sempre gli Stati Uniti ha determinato un'ondata migratoria in Europa senza precedenti.

Il costo di questa sofferenza e di questi problemi sociali chi lo pagherà?
Non i responsabili mi pare evidente.

Dalle ceneri del conflitto iracheno si è determinato l'ISIS; Perfino alcuni esponenti politici americani, adesso ammettono che l'amministrazione Bush prima, e Obama dopo, hanno in politica estera, fatto delle scelte fallimentari per non dire deliranti.

L'utilizzo ormai generalizzato di Droni killer, incrementato sotto la presidenza Obama, hanno colpito (nonostante lo si neghi da parte USA) moltissimi civili senza alcuna responsabilità con il terrorismo se non quella di trovarsi nel posto sbagliato nel momento sbagliato. La proliferazione dei conflitti made in U.S.A. ha toccato per ritorsione ormai ogni paese d'Europa con gli attacchi terroristici che sino a vent'anni fa, erano praticamente sconosciuti.

Come si giustificano i raid aerei USA in Libia, vietati dall'ONU?
Voluti solo da Obama con oltre cento vittime innocenti tra la popolazione libica: Invece del biasimo internazionale, ha ricevuto il premio Nobel per la Pace, ritirandolo con ancora le mani sporche di sangue dei civili uccisi senza motivo, tra cui donne e bambini.

Se non è ipocrisia, è sicuramente follia, in ogni caso malafede, senza alcun dubbio malvagità.

mercoledì 22 novembre 2017

Lampo di un antico futuro.



Sorrido, quando sento parlare di salvezza dell'anima, della propria anima ovviamente. 

Perché, sebbene credo sia vero che la completezza sia un'esperienza personale fattiblie ma non certo facile in questa vita, essa non può realizzarsi compiutamente se non  su un piano generale e universale.

Quale Dio donerebbe il Paradiso ad alcuni, lasciando altri nella miseria di un Inferno eterno? Come si può affermare di amare e di essere veramente felici, quando altri soffrono?

Come dico sempre, la sofferenza non ha alcun valore, sebbene in certi momenti una persona darebbe tutto quello che possiede per toglierla dal proprio cuore. Essa non può essere venduta o ceduta per questo affermo che non ha valore. E' dunque solo un insegnamento per farci comprendere che tutti sosteniamo lo stesso peso.

A me piace pensare che quando, anche l'ultimo uomo comprenderà questo (me compreso), e sorreggerà insieme a tutti gli altri questo immane carico, allora il dolore semplicemente scomparirà dal mondo.

Perché non avrà più ragione di esistere.

martedì 31 ottobre 2017

Delicato dedicato



Rimani con me
per rendere un momento bello come fosse l'ultimo


Bacia queste labbra,
anche se sono state baciate
un milione di volte.


Non mi importa se non ci sarà un domani
Non mi importa di morire, mi bastano le tue braccia dove cadere.


Guardare il Sole può rendere ciechi
ma non lo siamo sempre?

Così ciechi in Amore

Dolce tesoro.

lunedì 30 ottobre 2017

Fatti un Golem tutto tuo...



E' curioso che gli esseri umani non riflettano quasi mai che senza conflitto non esisterebbe Potere.

In questa semplice constatazione si comprende, ancora più facilmente che  la società umana com'è intesa è da sempre fatta per reprime ogni forma di libera libido; In questo modo, volutamente generara aggressività e frustrazione.
Perché?

Senza repressione non ci sarebbe nevrosi, e senza nevrosi non ci sarebbe bisogno di un Potere che reprima gli effetti dannosi di questa nevrosi.
E' così evidente e anche così idiota.

Sarebbe come usare una medicina che crea la malattia che si vorrebbe curare, ma di cui non si è ancora contagiati.

Dunque in questa ottica perversa, il personale modo di amare di ogni individuo è negato.

Ai medesimi individui, cioè noi tutti, è impedita l'unica reale felicità che avremmo a disposizione in questo mondo. 
Invece, la società di Potere dichiara proprio il suo contrario, altrimenti questa prigione fatta di carte e vapore da illusionista in cui viviamo, crollerebbe; E darebbe vita a un mondo un po' più felice, soprattutto perché non avrebbe bisogno di alcun potere.

Resto basito che la maggioranza non comprenda questa ovvietà, e tutti discutano confliggendo per stabilire quali regole siano giuste, quali religioni siano vere e quali limiti siano necessari alla morale individuale; Quando sono tutti egualmente espressione di quel Potere che rende egualmente le persone infelici.

Una società sana dovrebbe occuparsi solo delle convenzioni necessarie per la vita comune.

Avere poche norme di buon senso che interessino solo la vita comunitaria, lasciando piena esperibilità alla vita personale dell'uomo e cioè al suo personale modo di vivere e amare.
Al di fuori di queste poche regole di ordine organizzativo che dovrebbero esistere, tutte le altre non servono ad altro se non ad aumentare la nostra infelicità nevrotica; Evocando quel Golem chiamato Potere che alla fine distruggerà tutti quelli che lo hanno chiamato per aiutarli a risolvere un problema che non esiste, se non il Golem stesso.

In Italia, tanto per fare un esempio, ci sono circa cinquemila leggi. E' il paese con più leggi in Europa, forse nel mondo intero. 
E’ una nazione dove c’è poca illegalità? C’è forse maggiore equità nella vita sociale e nella giustizia? La corruzione non esiste? 
Certamente no. Questo ribadisce che un maggior numero di  leggi  non garantiscono maggiore onestà né libertà, anzi al contrario. Non è la strada giusta.

Anticamente  in caso di una carestia si sacrificavano i tori agli dei o come avveniva solo qualche decennio fa, ma sommesasamente ancora oggi, si prega un Dio intangibile che risolva il problema di un'epidemia, che plachi il terremoto o asciughi un'innodazione. 
Questo non significa che la preghiera non deve esistere, ma molti problemi materiali sono risolvibili con una buona organizzazione. 
Non è ragionevole pensare che il "Grande Ordine dell'Univero" si occupi di cose che possiamo risolvere da noi stessi. 
Mi pare evidente che queste disgrazie non sono espressioni della collera divina, ma i disagi del vivere in un mondo materiale. 

Ci sarebbe da ridere, ma è un riso amaro, se si considera che la spiritualità sia  proposta come soluzione alla materialità, quando dovrebbe invece occuparsi solo della nostra interiorità e, a mio modesto parere, rimanere lì confinata con discrezione. 
Una volta pensavo che tutte le religioni fossero sbagiate ora invece credo che siano tutte giuste, ma a patto che tutte affermino che lo sono tutte ugualmente. Sebbene personalmente le consideri ancora uno strumento di potere, sono pervenuto alla considerazione che allo stadio attuale di evoluzione umana siano purtroppo ancora necessarie per quelli che non hanno gli strumenti di mettersi in contatto con il proprio autentico Sé, e in quell'abbraccio, stabilire una connessione con  il "Grande Mistero che non ha forma né nome" ovvero: le altre persone che incontiamo nella vita. 

In che altro si manifesterebbe il Mistero se non in quello che abbiamo davanti agli occhi?

In parole più semplici, e non volendo dare una soluzione per tutti, ma solamente esprimere il mio modo di vedere le cose, sulla base però della mia esperienza diretta, direi che solo percependo che siamo Uno, anche se qell'Uno non è per tutti uguale, e inoltre non tutti siamo identici, c'è la possibilità di fare un salto di qualità nella vita. 
Giunti a quel punto  non vi è più bisogno di morale, religione e forse neppure di leggi.  Fino però ad allora bisognerebbe ogni giorno cercare di togliere un po' di carne dalla zuppa, come faceva il maestro zen vegetariano con i cacciatori carnivolri, di cui era diventato il cuoco. 
Invece, a segutio di questo paradossale conflitto di competenze si determinano le sofferenze in persone che non c'entrano nulla con tutto questo.

Non sostengo affatto che l'intangibile non determini il tangibile, ma la soluzione da trovare ai problemi materiali è una soluzione materiale, almeno in prima istanza. 
Confondere i doveri è pericoloso, direi che sebbene questi due aspetti siano una sola moneta, essa ha due facce diverse e non sempre una di queste facce è spendibile nel medesimo negozio. 
La distinzione è sottile ma determinante.

La cosa da fare in caso di carestia, epidemia e tutte le  altre sciagure umane, sarebbe migliorare le condizioni igieniche, l’alimentazione, la profilassi e sistemare le infrastrutture, organizzare i servizi preposti alla prevenzione e al soccorso. Aiuterebbe perfino nelle catastrofi inaspettate; Non certamente il sistema  attuale, reso inefficiente dalla corruzione e dagli interessi economici di parte. Non bastasse ciò si assite al pressapochismo di chi dovrebbe occuparsi della cosa pubbilica. Questa superficialità è purtroppo a scapito della vita delle persone.
Questo lo si osserva nell’organizzazione della società a tutti i livelli.
Si scrivono leggi e norme su tutto, e contro tutto, oramai ogni comportamento è regolato e sanzionabile, spesso con leggi contradditorie tra di loro. 

Quando per debellare i comportamentei illeciti servirebbero più che buone leggi, buone persone. 

In ogni caso bisogna domandarsi come sia possibile per un cittadino asprirare alla dignità e un certo grado di libertà se vive nella miseria più nera, se è senza istruzione e senza futuro per se e per la propria famiglia?  
Mi pare evidente che in una situazione di tale povertà non vi sia spazio per nessuna libertà, dignità e neppure per nessuna democrazia; In quanto per esercitare il diritto democratico un cittadino non deve vivere in una condizione ricattatoria di indigenza.

Aiuterebbe allora una buona cultura, un lavoro ben retribuito a disposizione di tutti, piuttosto che utilizzare gli apparati repressivi dello Stato per contenere l'ignoranza e la disperazione. Apparati poi che sono efficenti solo quando gli pare e gli conviene al Potere.

Servirebbe una società dove la ricchezza fosse il più diffusamente distribuita per evitare che chi non ha nulla, desideri quello di chi ha troppo. 
Dove l'avidità venga mostrata non come un vanto ma come una malattia. 
Dove la formazione degli individui venisse indirizzata verso un maggiore senso civico, la riflessione che il mondo non è solo casa propria ma un condominio condiviso, di cui ci crediamo proprietari ma invece siamo tutti solo in affitto.

Queste sono le mie utopie, ma le scrivo solo per immaginare come potrebbe, dopo due o tre generazioni cresciute in questo modo, diventare questo mondo: un piccolo Paradiso. 

Per esempio non dovrebbe esistere la speculazione ma dovrebbero essere incentivati i guadagni di chi produce beni e servizi.  
E’ evidente che tutte queste soluzioni non sarebbero funzionali al potere, una perversione che non soddisfa però nemmeno i vincitori. 
Lo dico sempre che essere felici a scapito degli altri, alla lunga, non è mai un buon affare. 

Vi pare normale vivere circondati da guardie del corpo? 
In ogni caso non fermano certo la mano alle persone malvage, le quali spesso sono comandate da altri potenti in competizione per avere ancora di più. 

Come detto è il Potere che per esistere ha bisogno di generare conflitti, non viceversa. 

Questo per una malattia mentale non solo che ha contagiato l'elite ma quasi tutti gli abitanti della società umana. 

Ho notato che persone anche con limitata intelligenza sono comunque bravissime e furbe per quanto riguarda la salvaguardia dei loro interessi personali.
Altre intelligenti, sono ugualmente miopi di fronte ai problemi di ordine generale cioè quelli che riguardano tutti. 
Tutti cioè sono impegnati al masssimo a cercare un posto a tavola migliore, sgomitando gli uni con gli altri. Questo per la maggior parte degli esseri umani è normale, una semplice competizione economica. A me invece pare solo una follia condivisa di un mondo in sovrapopolazione, condannato all'estinzione inevitabile se non avverrà un drastico cambio di coscienza.
  
Duole ribadirlo, ma l'uomo cambia la propria coscienza solo grazie all'esperinza vissuta, le parole belle o toccanti non servono, a livello linguistico non c'è reale evoluzione.

Duole ancora di più essere un pseudo profeta di sventura nel dichiarare che solo un disastro planetario, ormai può "forse" innescare un cambiamento così radicale, non solo nell'individuo o nella maggioranza ma nell'inconscio collettivo dell'umanità. 
Questa non è una previsone millenarista, malgrado lo sembri, ma una certezza matematica, la logica conseguenza della teoria dei sistemi.  

La malattia che accomuna ormai quasi tutti è di voler accaparrarsi la cabina di prima classe, senza comprendere che così facendo si sale  in realtà a bordo del Titanic.

Ha senso? Certamente no, eppure così accade.

Ma che lo dico a fare...

mercoledì 25 ottobre 2017

For ever and never



Esiste un paradosso biologico in tutti gli esseri viventi, in particolare nell'uomo. 

Come sappiamo le cellule si diversificano in forma e funzione, e sono dette cellule specializzate. 
Così una cellula dell'occhio lavora ed è fatta diversamente da quella del fegato. Però, in tutte le cellule sono contenute tutte le informazione relative al corpo nel suo insieme cioè la cellula, usa solo una piccola parte del suo bagaglio di capacità biologiche che sono complete e globali. 

Questa ridondanza non è conforme alle leggi fisiche. 
Ho scritto in esordio che c'è un paradosso ed è appunto, la violazione del principio cardine dell'universo: l'economia. 

In questo universo non si butta nulla e nulla va sprecato. Ogni fenomeno è conforme a questa legge universale ma non gli esseri viventi o perlomeno non le cellule di cui sono fatti. 

Metaforicamente, sarebbe per una cellula come avere a disposizione una Biblioteca vastissima, ma leggere sempre e solo la stessa pagina dello stesso libro. 
Questa contraddizione vìola la legge di economia, a meno che non esiste una motivo per questo apparente spreco. C'è dell'altro; Le cellule umane si rinnovano ogni sette anni, dunque dopo un settennio viviamo in un altro corpo. Allora mi domando: perché con cellule "nuove" in un corpo "rinnovato" esiste l'invecchiamento? 

E' ovvio che queste due situazioni contraddittorie si giustificherebbero con il fatto che esiste un'informazione che determina questo processo cioè dovrebbe esistere una istruzione genetica che "obbliga" la cellula nuova a incominciare da dove quella distrutta aveva finito, anziché semplicemente replicarsi in come era originariamente costituita.
C'è allora dentro l'essere vivente un'informazione nascosta, una sorta di "schema di continuazione" un orologio biologico che realizza così la funzione "invecchiamento e terminazione". 

Esemplificando con approssimazione il paradosso della replicazione cellulare, direi che è come se una madre di trenta anni desse alla luce un figlio di trenta anni, e non un neonato. 

Credo che non sarebbe giusto sperare che l'INPS la disattivi, una volta scoperta tale funzione di invecchiamento, ma in linea di principio chi fosse interessato a una vita eterna, ed eternamente giovane, potrebbe. 

Non è un'ipotesi fantascientifica, perché come al solito; la Natura l'ha già fatto prima dell'uomo.
Infatti sono state recentemente scoperte alcune specie di vermi e una particolare medusa che invertono, una volta giunti ad un completo sviluppo, il processo di crescita, regredendo e poi ricominciando daccapo la propria esistenza millenaria. 
Alcune specie invece, inibiscono solamente la funzione di invecchiamento come la Talpa Africana che rimane esattamente uguale per tutta la sua esistenza dopo essere diventata adulta. 

Ci sono altri esempi di codici genetici in altre specie con caratteristiche che per gli esseri umani risultano soprendenti.
I dinosauri per esempio crescevano per tutta la loro vita. 
Il coccodrillo, gli squali e alcuni serpenti sono immuni a tutte le malattie conosciute e non sviluppano neoplasie. Sarebbero la disoccupazione certa per tutti i dipendenti della cassa Mutua e della casta dei medici. 
Gli scarafaggi sono insensibili alle radiazioni nucleari, e probabilmente sopraviverebbero perfino ai missili del dittatore koreano e ai B-52 nucleari del pittoresco presidente con il riporto più ardito che si sia mai visto. 
Il Tardigrado può addirittura vivere nello spazio siderale ed è sopravvissuto a diverse estinzione di massa su questo pianeta. 
In queste specie è nascosto il segreto della vita eterna,  libera da ogni malattia e invecchiamento? 
E se così fosse, sarebbe possibile sviluppare tali caratteristiche anche nell'uomo?
Oppure l'essere umano dovrà essere nuovamente e diversamente progettato geneticamente? Avendone la possibilità sarebbe corretto? 
Può dunque l'Artefice ritornare sul suo progetto? 
E perchè mai dovrebbe? 
Questo azzardo dovrà essere opera dell'uomo per l'uomo.

Ma forse queste...Sono cose per cui il Dio della Biomeccanica non ci farebbe entrare in Paradiso.